Birre d’Italia 2019: le novità e i risultati | Dissapore

 birrifici recensiti sono 597, per un totale di 2.650 birre: la chiocciola è il premio principale, continuando nel parallelo con l’oscar equivale a quello per il miglior film. Per vincere contano qualità delle birre, continuità, attenzione all’ambiente.

Per i birrifici artigianali italiani i premi assegnati da Birre d’Italia, la guida di Slow Food, equivalgono a tanti oscar. Anzi, l’attesa è perfino più lunga, visto che “la più completa guida al mondo della birra italiana” è biennale.

Un’accuratezza e capillarità del genere richiede decine di esperti e volontari, il cui lavoro viene poi redatto da Luca Giaccone e Eugenio Signoroni.

Da ieri Birre d’Italia 2019 si può comprare in libreria oppure online, e detto subito che della retrocessione di Baladin, il più famoso birrificio italiano, a cui è stata levata la chiocciola (il massimo riconoscimento) se ne parlerà a lungo, sempre ieri Slow Food ha reso noti i premi.

Prima di confrontarli con quelli del 2017 per dirvi chi sale e chi scende, ecco il principale cambiamento della nuova edizione, cioè la suddivisione dei produttori in quattro categorie: birrifici artigianali, non artigianali, affinatori (che si occupano di invecchiare le birre) e beer firm (che non disponendo di impianti producono presso altri).

I birrifici recensiti sono 597, per un totale di 2.650 birre: la chiocciola è il premio principale, continuando nel parallelo con l’oscar equivale a quello per il miglior film. Per vincere contano qualità delle birre, continuità, attenzione all’ambiente.

Altri premi sono: “bottiglie” per le produzioni di grande carattere, e “fusti” per quelle più facili da bere, ma sempre personali. Sui riconoscimenti alle singole birre (“Quotidiane”, “Grandi Birre”, “Birre Slow”) ci torneremo presto.

Ecco i premi ai birrifici di Birre d’Italia 2019.

Chiocciole

Piemonte
Elvo – Graglia (BI)
Loverbeer – Marentino (TO)
Birrificio Montegioco – Montegioco (AL)
Croce Di Malto – Trecate (NO)
Troll – Vernante (CN)
Beba – Villar Perosa (TO)

Liguria
Maltus Faber – Genova (GE)

Lombardia
Elav – Comun Nuovo (BG)
Birrificio Italiano – Limido Comasco (CO)
Lambrate – Milano
Carrobiolo – Monza
Hammer – Villa D’adda (BG)

Trentino-Alto Adige
Batzen – Bolzano-bozen

Veneto
Ofelia – Sovizzo (VI)

Friuli Venezia Giulia
Foglie D´Erba – Forni Di Sopra (UD)

Toscana
Brùton – Lucca

…more: Birre d’Italia 2019: le novità e i risultati | Dissapore

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply