Viaggio nell’est birrario: Moldova e Romania

Chiunque si definisca beer hunter prova, ovunque si trovi nel mondo, l’irresistibile desiderio di assaggiare le birre locali. Sia che si tratti di celebri destinazioni birrarie, sia di posti sconosciuti ai più, la ricerca inizia qualche giorno prima della partenza.

Chiunque si definisca beer hunter prova, ovunque si trovi nel mondo, l’irresistibile desiderio di assaggiare le birre locali. Sia che si tratti di celebri destinazioni birrarie, sia di posti sconosciuti ai più, la ricerca inizia qualche giorno prima della partenza. Internet è il riferimento principale e Ratebeer lo strumento più utilizzato. Tuttavia il vero beer hunternon si limita solo al suddetto sito web (che ricordiamo aver ceduto in passato parte delle sue quote ad Ab Inbev), ma spulcia blog e siti di birrifici, anche in lingue che non conosce, per provare a carpire il meglio della scena birraia del paese che sta per visitare. E così, seguendo questo credo, ho approfittato di una tre giorni fra Moldova e Romania per assaggiare qualche produzione in loco.

Partiamo dalla Moldova. Si tratta di un’ex repubblica sovietica geograficamente collocata fra la Romania e l’Ucraina. Ho trovato un paese economicamente molto depresso (il 26% del PIL proviene dalle rimesse dei moldavi residenti all’estero) e politicamente instabile con tensioni, per fortuna pacifiche, fra chi vorrebbe l’annessione alla Romania e chi preferisce un maggior legame con la Russia. Le craft beer hanno però fatto capolino anche qui, in questo angolo quasi dimenticato di Europa dell’Est.

Nella capitale, Chisinau, si trovano due locali (appartenenti allo stesso proprietario e a pochi metri di distanza l’uno dall’altro) che servono birre di produzione locale.  Si tratta di Smokehouse e Taproom 27. Smokehouse (pagina Facebook) è un locale ampio, in stile americano, che funge sia da birreria che da steakhouse. Al momento della mia visita erano presenti 8 birre alla spina, tutte moldave, e una ventina in bottiglia, tra cui le britanniche Thornbridge e Brewdog  e l’americana Stone. E’ possibile effettuare un tasting di 4/6/8 birre da 125ml e ho optato per quest’ultimo per ottenere una parziale panoramica della scena locale.

via Cronache di Birra https://ift.tt/2vCLI1m

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply